Allied – Un’ombra nascosta (2016) di Robert Zemeckis | Recensione

Allied

1.5 Stars
Drammatico, Thriller


RECENSIONE
di Alessandro Pin

Allied – Un’ombra nascosta semplicemente delude chi si aspetta un thriller al cardiopalma. Inizia clamorosamente, incitando l’ovazione per la perfetta ricostruzione scenica di una struggente Casablanca in piena Seconda Guerra Mondiale, omaggio al capolavoro di Michael Curtiz. I costumi sono magnifici. L’intensa sinergia che si instaura tra Brad Pitt e Marion Cotillard sembra funzionare a dovere. Lui è mono-espressivo. Lei è sensuale e venefica come solo Cotillard sa essere. Due spie che si spacciano per un’affascinante coppia di sposi che si infiltrano a un ricevimento per assassinare un ambasciatore tedesco. Tutto funziona nel lungo prologo, dove si gioca ancora a carte coperte. Ma è solo apparenza, poiché Zemeckis d’un tratto cambia registro, trasformando il promettente thriller di stampo hitchcockiano in una passionale storia d’amore che sboccia nel deserto; qui il provetto regista svela i suoi assi nella manica, ma gioca male il jolly della spia. Qualcosa però lascia supporre che Lei non è ciò che appare.

Allied

Tornati a Londra si sposano (per davvero) e mettono su famiglia. La romantica routine quotidiana è sferzata da un coup de théâtre disperatamente atteso. Robert Zemeckis gioca con gli specchi alludendo a doppi-giochismi che purtroppo non si palesano. Il rapporto tra i due si complica e i sospetti si insinuano in entrambi. Da Alleati a Nemici. Si vedono poche azioni belliche (che funzionano), ma non è abbastanza: la guerra rimane sul bellissimo sfondo, un oscuro dipinto illuminato dai lampi dei caccia. Tutto perde spessore quando alla fine lei, che si pensava la più forte dei due, dimostra una debolezza disarmante. Inizia così un’ultima e inutile fuga d’amore che affoga nella noia. La spy story su cui ruota la vicenda è un castello di carte che implode inesorabilmente su una fragile struttura. Lo sceneggiatore Steven Knight non riesce a far decollare la narrazione, tra inefficaci momenti di suspense e un finale che non convince.


TITOLO ORIGINALE
Allied

PRODUZIONE
Graham King
Steve Starkey
Robert Zemeckis

REGIA
Robert Zemeckis

SCENEGGIATURA
Steven Knight

CAST
Brad Pitt (Max Vatan)
Marion Cotillard (Marianne Beauséjour)
Jared Harris (Frank Heslop)
Matthew Goode (Guy Sangster)
Lizzy Caplan (Bridget Vatan)

COLONNA SONORA
Alan Silvestri

FOTOGRAFIA
Don Burgess

MONTAGGIO
Mick Audsley
Jeremiah O’Driscoll

SCENOGRAFIA
Gary Freeman
Raffaella Giovannetti

COSTUMI
Joanna Johnston


I commenti sono chiusi.