Star Wars: Episodio I – La minaccia fantasma (1999) di George Lucas | Il verdetto di Alessandro Pin

Star Wars - La minaccia fantasma

3 Stars

La minaccia fantasma costituisce il primo tassello dell’epopea partorita dalla mente immaginifica di George Lucas. Seppur non del tutto riuscito, rimane nel cuore dell’appassionato, poiché mostra l’origine dei personaggi tanto amati.

Un episodio di Star Wars non può che cominciare con il tipico opening crawl dorato, accompagnato dalla famosissima e iconica fanfara di John Williams. Il sipario stellato si apre nello spazio sovrastante il pacifico pianeta Naboo, soggetto a un blocco orbitale imposto dalla Federazione dei mercanti. Il Senato della Repubblica invia due Jedi per sventare la minaccia: il maestro Qui-Gon Jinn (Liam Neeson) e il suo apprendista padawan Obi-Wan Kenobi (Ewan McGregor eredita il ruolo che fu di Alec Guinness). Il primo è pragmatico, riflessivo e diplomatico, mentre il secondo mostra più avventatezza ed è pronto all’azione. I due sbarcano non visti su Naboo e dopo una fuga subacquea (senza emozione) cercano di liberare la Regina del pianeta (Natalie Portman è spaesata nei marmorei saloni di un regale palazzo), tenuta in scacco dalla Federazione dei mercanti.

Star Wars - La minaccia fantasma

Nel loro viaggio di ritorno alla capitale della Repubblica, i Jedi fanno tappa su Tatooine (unico pianeta ereditato dalla trilogia classica) ove trovano un bambino in schiavitù, abile pilota e meccanico provetto. Qui-Gon scorge in Anakin Skywalker (Jake Lloyd è a dir poco inespressivo) un potenziale insperato. La scelta di introdurre nella saga di Star Wars una componente fantascientifica che possa spiegare il “funzionamento” della Forza è alquanto controversa, poiché dissolve in pochi istanti l’aura fiabesca che l’ha sempre definita. Shmi (la brava Pernilla August), la madre di Anakin, è anch’ella schiava, ma l’amore per il figlio è profondo: dopo la pericolosa e frenetica gara degli sgusci (un diluito intermezzo che spezza troppo la narrazione principale) acconsente e benedice il lungo viaggio che lo attende.

Star Wars - La minaccia fantasma

Anakin è portato su Coruscant (pianeta-città che trae completa ispirazione da Trantor ideato da Isaac Asimov) e identificato dal Consiglio dei Jedi (dei cui membri, tra gli altri, fa parte Mace Windu – Samuel L. Jackson – e il maestro Yoda, ritornato sotto veste digitale) come colui che annienterà i Sith: esseri malvagi che corrompono la Forza per trarne infinito potere. Nonostante Anakin sia troppo cresciuto, il Consiglio dei Jedi va contro il protocollo e decide di far addestrare il ragazzo nelle vie della Forza.

Star Wars - La minaccia fantasma

La regina Amidala chiede aiuto al Senato per salvare il pianeta Naboo. In questo processo è aiutata dal senatore Palpatine (Ian McDiarmid), un personaggio ambiguo che non mostra tutto ciò che è in realtà: l’archetipo del politico arso dalla smania di potere. La minaccia fantasma è permeato di dinamiche narrative atipiche per la saga (già evidenti negli altisonanti paroloni dell’opening crawl): una storia di diatribe politiche e loschi arrivisti. L’antagonista Darth Sidious (l’altro volto di Palpatine), un’autentica minaccia fantasma, non si palesa agli occhi dei Jedi, ma complotta nell’ombra per distruggerli. Un antagonista eccezionale che non disvela ancora le sue intenzioni.

Star Wars - La minaccia fantasma

Lo stile artistico è ineccepibile; tuttavia la fotografia è artefatta, complice l’eccessivo uso di computer grafica che prosciuga l’essenza di ciò che ha reso grande i precursori. La coreografia dei duelli è acrobatica con un match finale che vede i due Jedi scontrarsi col misterioso Sith Darth Maul (Ray Park, artista marziale). Una danza mortale lontana dai rigidi, ma ben più clamorosi, combattimenti medievaleggianti della trilogia classica. Ecco che il duello, sotto una musica dirompente e un evocativo coro, è la parte più riuscita ed emozionante a cui si alternano due sequenze parallele: la battaglia spaziale (che rimanda a Il ritorno dello Jedi) e la schermaglia campale che vede le macchine da guerra computerizzate della Federazione dei mercanti contro i Gungan, nativi di Naboo. L’introduzione completamente ingiustificata di Jar Jar Binks, che sembra servire allo scopo di alleggerire l’atmosfera, è a dir poco imbarazzante.

Star Wars - La minaccia fantasma

Nella trilogia prequel George Lucas mostra ciò che accadde prima di Guerre stellari; racconta di come Anakin Skywalker, protagonista dell’esalogia e fulcro della space opera starwarsiana (uno struggente dramma famigliare), si è trasformato in Darth Vader e di come la Vecchia Repubblica è caduta sotto la dispotica legge marziale di un potente e oscuro dittatore che agisce nell’ombra, nascosto agli occhi non più vigili dei guardiani di pace e giustizia della Galassia. Un periodo luminoso oscurato da perversa malvagità. Qui il fulgido astro della Repubblica comincia a tramontare; i Jedi sono visti sotto altra luce, diversi da come sono rappresentati nella trilogia classica. Arroganti e assolutisti, rinchiusi in un tempio di paura e incertezza a crogiolarsi in futili meditazioni, i Jedi prendendo decisioni con leggerezza mal soppesando i rischi delle gravi conseguenze scatenate dalla loro superficiale analisi.

Star Wars - La minaccia fantasma

George Lucas diluisce la miscela con azione sfrenata e fuggevole, piuttosto che concentrarla in significativi momenti, mal definendo il concetto fondamentale: la figura chiave di Qui-Gon. Jedi per antonomasia, grigio pellegrino, autentica essenza di ciò che i guardiani avrebbero dovuto rappresentare, non annebbiato dall’alone divino di cui i “superiori” colleghi si circondano, Qui-Gon Jinn è assurdamente sacrificato. La minaccia fantasma costituisce il primo tassello dell’epopea partorita dalla mente immaginifica di George Lucas. Seppur non del tutto riuscito, rimane nel cuore dell’appassionato, poiché mostra l’origine dei personaggi tanto amati.


TITOLO ORIGINALE
Star Wars: Episode I – The Phantom Menace

PRODUZIONE
Rick McCallum

REGIA
George Lucas

SCENEGGIATURA
George Lucas

CAST
Liam Neeson (Qui-Gon Jinn)
Ewan McGregor (Obi-Wan Kenobi)
Natalie Portman (Regina Amidala/Padmé)
Jake Lloyd (Anakin Skywalker)
Ian McDiarmid (Senatore Palpatine/Darth Sidious)
Pernilla August (Shmi Skywalker)
Oliver Ford Davies (Sio Bibble)
Hugh Quarshie (Capitano Panaka)
Ahmed Best (Jar Jar Binks)
Anthony Daniels (voce di C-3PO)
Kenny Baker (R2-D2)
Frank Oz (voce di Yoda)
Terence Stamp (Cancelliere Valorum)
Brian Blessed (voce di Boss Nass)
Andy Secombe (voce di Watto)
Ray Park (Darth Maul)

COLONNA SONORA
John Williams

FOTOGRAFIA
David Tattersall

MONTAGGIO
Ben Burtt
Paul Martin Smith

SCENOGRAFIA
Gavin Bocquet
Peter Walpole

COSTUMI
Trisha Biggar

Precedente Star Wars: Episodio VI – Il ritorno dello Jedi (1983) di Richard Marquand | Il verdetto di Alessandro Pin Successivo Star Wars: Episodio II – L’attacco dei cloni (2002) di George Lucas | Il verdetto di Alessandro Pin